Archivio mensile:Agosto 2022

Salone Nautico di Venezia, intervista a Giampaolo Lo Conte

Imbarcazioni elettriche da corsa e sostenibilità ambientale sono stati i temi principali della terza edizione del Salone Nautico di Venezia, divenuto ormai uno dei principali eventi fieristici internazionali dedicati alla nautica

Giampaolo Lo Conte è un imprenditore italiano appassionato di yachting, esperto di trading internazionale e ricercatore nel settore delle criptomonete e dell’economia digitale.  Collabora commercialmente con i cantieri Palumbo Super Yacht, Isa Yacht e Columbus Yacht. Alcune settimane fa, lo abbiamo incontrato in occasione del Salone Nautico di Venezia, giunto alla sua terza edizione che si è tenuta presso la sede espositiva dell’Arsenale di Venezia, simbolo della Repubblica Serenissima e cuore pulsante della sua industria navale.

Giampaolo, grazie per il tempo che ci stai dedicando e complimenti per le recenti pubblicazioni presso le riviste del settore nautico. Come mai da queste parti?

Nel giro di due edizioni il Salone Nautico di Venezia è diventato uno dei principali eventi fieristici internazionali dedicati alla nautica. I numeri sono in netta crescita e le imbarcazioni esposte quest’anno sono state 300 rispetto alle 240 della seconda edizione. La location è lunga circa 3 chilometri! Mi è stato consentito di visitare le barche in maniera rilassata ed ho trovato molte aree con soluzioni elettriche che convivono con la tecnologia termica tradizionale.

Il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro in una recente intervista ha dichiarato che, grazie a questo evento, “Venezia torna a celebrare l’arte navale e lo fa proprio invitando tutto il popolo del mare nel luogo dove la Serenissima dimostrava al mondo la sua egemonia raggiunta grazie alla costruzione di una imponente flotta”.

Il popolo del mare ed anche gli imprenditori e professionisti del settore hanno cercato di intessere nuove relazioni con gli espositori, tra i quali spiccavano A-Yachts, Audace Sailing Team, Goldsail Ravenna, Italia Yachts, Pegasus Yachts, More Yachts, Beneteau, Ve-Lion, Yacht Synergy tra le vele più importanti. 

La stampa nazionale ha poi prestato attenzione al settore delle imbarcazioni elettriche. 

Vero, Yamaha ha presentato ad esempio Harmo, un motore elettrico montato sulla barca Respiro prodotta da Venmar. Dalla Svezia è arrivata invece Candela, il nuovo progetto di “water taxi” davvero molto interessante. Segnalo anche Huracan, Torqeedo e il TimeSquare 20 Aqua Superpower, il nuovo catamarano di casa Frauscher per acque interne. Infine, in anteprima mondiale, gli avventori del Salone hanno potuto vedere E-regatta e E1 Racebird, superyacht elettrici da corsa presentati da RaceBird

La quarta edizione del Salone Nautico di Venezia è già stata annunciata, si terrà dal 31 maggio al 4 giugno 2023. Ci sarai?

Vi lascio con una curiosità, riportata dal direttore commerciale del Salone Nautico di Venezia, Alberto Bozzo, gli espositori del 2021 hanno confermato la loro presenza al 98% a dimostrazione di come il Salone stia andando nella direzione giusta che loro si aspettano. Farò il possibile per essere presente, magari come espositore con i miei partner commerciali.

Ringraziamo Giampaolo Lo Conte e ricordiamo ai lettori che il Salone ha visto protagonisti numerosi meeting in tema green per la sostenibilità. La salvaguardia dell’ambiente nei vari aspetti della fruizione del mare, oltre che della costruzione delle barche, è stato uno dei temi dei meeting. Nella Testa 99 del Salone, inoltre, si è tenuta la terza edizione della MUVE Yacht Projects, la mostra  della Fondazione Musei Civici di Venezia e Vela Spa, che ha presentato il Bando internazionale per la selezione dei migliori progetti di barche sostenibili. Attraverso questo link , invece, potete visualizzare le ultime notizie pubblicate sul sito del Salone.

Comunicato Stampa: Gianfranco Rienzi, Agosto 2022

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di agosto 2022 riguardante la presentazione dei servizi di ArchimediA Consulting s.r.l., studio innovativo che si pone come struttura di professionisti in grado di fornire assistenza, consulenza e formazione. Tra i senior partner di ArchimediA c’è Rienzi Gianfranco, consulente fiscale, imprenditore e revisore dei conti che vi presenteremo nell’articolo che segue. Curare gli aspetti di progettazione e definizione di un’impresa richiede la valutazione economia, finanziaria e fiscale utile a diagnosticare e controllare la gestione dell’impresa stessa, verificando la correttezza giuridica ed economica delle operazioni societarie. Al seguente link trovate alcuni dei servizi offerti da ArchimediA Servizi, che vengono raccolti, nel sito ufficiale dell’azienda, in tre categorie (Servizi per aziende, per privati e per immobiliare).

Chi è Gianfranco Rienzi

Gianfranco Rienzi (Firenze, 28 Settembre 1964) è un imprenditore, revisore dei conti e consulente fiscale, senior partner della società Archimedia Consulting srl operante nel settore delle elaborazioni contabili per conto terzi e dei servizi amministrativi e fiscali per aziende e privati. E’ stato Sindaco Revisore del Comune di Firenze dal 2006 al 2009 ha diretto con successo diverse società di capitali attive nel campo della consulenza legale e societaria e degli investimenti immobiliari in Italia. Gianfranco Rienzi vanta importanti esperienze professionali che gli hanno permesso di esercitare la professione di Revisore dei Conti presso le pubbliche amministrazioni e presso le società senza fini di lucro, maturando esperienze di primissimo livello oltre quella già menzionata come Sindaco Revisore del Comune di Firenze dal 2006 al 2009. Dal 1998 al 2005 è stato Sindaco Revisore dell’Associazione “Umberto Alberici – ONLUS”; dal 2000 al 2006 ha prestato la stessa funzione presso il Comune di Bagno a Ripoli; dal 2005 al 2008 è stato Revisore dei Conti presso l’Azienda regionale per il diritto allo studio universitario di Firenze e presso il Comune di Scandicci, nella stessa Provincia di Firenze. Nel 2012 è nominato Sindaco effettivo della Società A.G.P. Alberghi Gestione Propria S.p.A., operante nel settore alberghiero. 

Di Gianfranco Rienzi siamo a conoscenza delle numerose esperienze nel campo degli investimenti immobiliari di successo. Leggendo alcuni approfondimenti su internet, troviamo la sua firma in diversi contributi editoriali, per lo più riguardanti il business immobiliare e le novità sulle leggi fiscali in Italia e nel mondo. “E’ un mondo che mi affascina e per il quale non smetto mai di informarmi, soprattutto dal punto di vista legislativo e fiscale. Un tempo “investire sul mattone” significava “guadagno sicuro”; oggi non è più così. Si lavora, prima di tutto, per rientrare dell’investimento e, in un secondo momento, per trarre profitto nel medio periodo”.

Alcuni dei servizi offerti da ArchimediA

ArchimediA offre servizi specializzati nel campo fiscale curandone anche gli aspetti legali ed offrendo così una consulenza completa. Vengono curati tutti gli aspetti dei progetti, dalla definizione di un progetto imprenditoriale e le relative valutazioni economiche, finanziarie e fiscali, allo sviluppo di diagnosi e controllo di gestione, con interventi di tipo finanziario, organizzativo contabile, giuridico, fino alla eventuale cessazione di attività dove si rendono necessarie le verifiche di correttezza giuridica e di economicità delle operazioni.

Assistenza e Consulenza Fiscale, Consulenza in ambito societario, Acquisizioni e fusioni, Tutela della privacy, Perizie e valutazioni d’azienda, Finanza agevolata contributi e agevolazioni, Passaggio generazionale, Il Bilancio sociale, Formazione e aggiornamento, Incarichi sociali (amministratori, sindaci, revisori).

Servizi per privati – Un supporto completo per il contribuente: Abbiamo come obiettivo prioritario la protezione degli interessi del cliente. Contribuiamo alla pianificazione degli investimenti e ne supervisioniamo l’andamento – CONTINUA A LEGGERE

Supporto fiscale per compravendite immobiliari: Lo Studio fornisce assistenza completa nella fase pre e post contrattuale in occasione di compravendite aziendali ed immobiliari, compreso il rogito notarileCONTINUA A LEGGERE

Altre attività svolte da ArchimediA Consulting: Lo Studio, nonostante la chiara vocazione per l’attività di consulenza fiscale e societaria, svolge una serie di funzioni accessorie CONTINUA A LEGGERE

Intervista a Gianfranco Rienzi su Slomedia Magazine: La rivista online ha intervistato Gianfranco Rienzi per approfondire alcune normative fiscali – CONTINUA A LEGGERE

Accedi ai collegamenti rapidi, cerca e trova le informazioni aggiornate e le schede professionali pubblicate sul web in riferimento a Rienzi Gianfranco e ArchimediA – tutte le pagine web sono verificate dalla nostra redazione e pubblicate con informazioni aggiornate e complete.

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI

GIANFRANCO RIENZI 

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

GIANFRANCO RIENZI COMMERCIALISTA

RIENZI GIANFRANCO 

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO 

RIENZI GIANFRANCO

RIENZI GIANFRANCO

BLOG PER STARTUP – CONTINUA A LEGGERE – SEI UNO DEI NOSTRI LETTORI E HAI APERTO UNA STARTUP? LEGGI QUI, NUOVE RIFORME DI LEGGE ED AGEVOLAZIONI ALL’IMPRESA!

Prestiti per giovani imprenditori: cosa sapere – I prestiti agevolati per imprenditori, appartengono ad una classe di finanziamenti particolari. Per l’erogazione è necessario coinvolgere l’agenzia del Ministero dell’Economia. Invitalia rappresenta in questo caso un punto di riferimento per quanto concerne investimenti e sviluppo d’impresa. In particolare si propone per erogare finanziamenti di tipo agevolato per gli imprenditori. Per richiedere questa tipologia di prestito è importante avere in mente un progetto imprenditoriale interessante.

Piccole e medie imprese, come funziona la richiesta?

Per quanto concerne piccole e medie imprese, i prestiti agevolati hanno per lo più la forma di un mutuo. Pensiamo per esempio a quelle aziende agricole che hanno bisogno di terreno su cui svolgere la propria attività imprenditoriale. Oppure il denaro chiesto in prestito può essere finalizzato all’acquisto di strumenti o materiali da utilizzare all’interno dell’impresa. I tassi di interesse di solito, pur trattandosi si prestiti agevolati, non sono bassi. Soprattutto il TAEG rappresenta il fattore che influenza maggiormente la somma complessiva da rimborsare alla banca.

Invitalia rappresenta ad esempio un punto di riferimento per quanto riguarda l’erogazione di prestiti agevolati per le imprese. In modo rapido e decisamente accessibile è possibile fare richiesta per un prestito anche per giovani imprenditori. Vediamo meglio nel dettaglio quali sono le proposte di Invitalia:

  • Prestiti  per nuove imprese a tasso zero: si tratta di finanziamenti dedicati ai giovani imprenditori con tasso di interesse pari a zero, solo sotto i 35 anni di età;
  • Prestito Resto al Sud: si tratta di un aiuto per le nuove imprese che nascono al Sud o nelle zone terremotate del Centro Italia, l’età per accendere questo tipo di finanziamento non deve essere superiore ai 46 anni;
  • Smart&Start Italia: parliamo di un finanziamento dedicato alle start-up innovative;
  • Cultura Crea: questo prestito viene elargito al fine di supportare la nascita e crescita di imprese e no profit, le quali lavorano nella cultura, in particolare sul territorio meridionale;
  • Selfiemployment: si tratta di un finanziamento erogato per i giovani NEET (fino a 29 anni) che hanno in progetto l’avvio di un’impresa propria. 

A quanto può arrivare un finanziamento agevolato per imprese? Il finanziamento agevolato per imprese solitamente può raggiungere fino a 1.500.000 euro, quindi una cifra elevata. DI solito per piani di investimento  entro 24 mesi dalla data della stipula del contratto. Parliamo più tecnicamente di una sorta di mutuo a tasso nullo, che ricopre zero una porzione pari al 75% delle spese. Infine il debito va sanato, con un piano di ammortamento che arriva ad un massimo di otto anni.